Soft Currency Economics, italieraz (18)

Soft Currency Economics. Dove tutto ebbe inizio

Sarrera gisa, ikus ondoko lanak:

Moneta: monopolio publikoa

Soft Currency Economics, italieraz

Soft Currency Economics, italieraz (1)

Soft Currency Economics, italieraz (2)

Soft Currency Economics, italieraz (3)

Soft Currency Economics, italieraz (4)

Soft Currency Economics, italieraz (5)

Soft Currency Economics, italieraz (6)

Soft Currency Economics, italieraz (7)

Soft Currency Economics, italieraz (8)

Soft Currency Economics, italieraz (9)

Soft Currency Economics, italieraz (10)

Soft Currency Economics, italieraz (11)

Soft Currency Economics, italieraz (12)

Soft Currency Economics, italieraz (13)

Soft Currency Economics, italieraz (14)

Soft Currency Economics, italieraz (15)

Soft Currency Economics, italieraz (16)

Soft Currency Economics, italieraz (17)

Segida:

Soft Currency Economics

18. Ulteriore discussione sulla rigidità1

11 Ottobre 2020

Ulteriore discussione sulla rigidità
Warren B. Mosler

Il tasso sui fondi federali può essere molto volatile perché il mercato delle riserve è inelastico sul brevissimo periodo. Il sistema bancario non può liberarsi immediatamente delle riserve in eccesso e un eccesso di riserve nel sistema farebbe crollare il tasso sui fondi a zero. Anche se le banche fossero in grado di aumentare il proprio volume di prestiti l’eccesso di riserve persisterebbe. Nel periodo contabile corrente ogni nuovo prestito crea un deposito nel sistema bancario ma ogni nuovo prestito assorbe solo una minuscola frazione delle riserve in eccesso. Inoltre le decisioni di prestito generalmente prescindono dal fabbisogno di riserve.

Nel caso di una carenza di riserve nel sistema la Fed è l’unica fonte di fondi immediatamente disponibili. Estremizzando il discorso, le banche che non riuscissero a soddisfare il parametro di riserva obbligatoria fallirebbero se non potessero acquisire in qualche modo le riserve necessarie. Poste di fronte al rischio di un immediato fallimento, determinerebbero una pressione al rialzo del tasso sui fondi nel tentativo di recuperare attraverso prestiti reciproci quelli a disposizione e, all’aumentare del tasso sui fondi, un numero sempre più alto di banche si rivolgerebbe allo sportello di sconto. Le banche potrebbero provare a ridurre l’ammontare della loro riserva obbligatoria riducendo il volume dei prestiti ancora da rimborsare, ma forzare il rimborso non consente comunque di soddisfare i requisiti di riserva del sistema bancario nel suo complesso. Se per esempio una banca necessita di 10˙000$ di riserve, per aumentarle potrebbe chiedere il rimborso di un prestito di pari ammontare [1]. Tuttavia il rimborso di tale prestito ridurrebbe i depositi in un’altra banca e il problema sarebbe spostato semplicemente da una banca a un’altra. Il rimborso di prestiti riduce solo marginalmente l’ammontare di riserva obbligatoria da accantonare nel sistema bancario, ossia un’enorme riduzione del volume totale dei prestiti attivi determina solo una piccola riduzione della riserva obbligatoria nel sistema bancario. Le posizioni di riserva devono essere compensate immediatamente, non nei mesi successivi. Il sistema bancario può ottenere riserve quotidianamente solo dalla Fed. In un dato periodo di calcolo il sistema bancario non ha altri mezzi concreti per ridurre in misura significativa l’ammontare di riserve che deve detenere obbligatoriamente.

Note del Traduttore

1.^ I call loan o prestiti “a chiamata” sono prestiti il cui accordo prevede la call provision, ovvero il diritto per la banca erogante di ottenere su propria domanda il saldo completo del prestito erogato da parte della controparte indebitata.

Originale pubblicato nel 1995, Revisione pubblicata nel 2012

Traduzione a cura di Andrea Sorrentino, Supervisione di Maria Consiglia Di Fonzo e Daniele Basciu


1  https://www.retemmt.it/ulteriore-discussione-sulla-rigidita/.

Utzi erantzuna

Zure e-posta helbidea ez da argitaratuko. Beharrezko eremuak * markatuta daude